Il cuore è il centro motore di tutto l’organismo dal quale dipendono il nostro benessere e forza, ma troppo spesso lo “diamo per scontato” e ci dimentichiamo della sua importanza. Qual è il modo giusto per prendercene cura? È possibile prevenire alcune delle più serie patologie cardiovascolari? Ne abbiamo parlato con il professor Sebastiano Marra, presidente dell’associazione di volontariato Gli Amici del Cuore Piemonte, che anche quest’anno sarà a fianco di Just The Woman I Am presso il Villaggio della Prevenzione nelle giornate del 3, 4 e 5 marzo 2023 in piazza San Carlo a Torino.

Patologie dell’apparato cardiovascolare: quali sono i fattori di rischio che concorrono alla loro formazione?
Negli ultimi 30 anni la mortalità cardiovascolare si è ridotta del 50 per cento. Sembra un dato rassicurante, ma in realtà non basta. Più della metà della riduzione dell’incidenza della malattia grave lo dobbiamo alla correzione dei cosiddetti fattori di rischio. Perché le arterie si ammalino, degenerino e rischino la trombosi o quella che si chiama l’arteriosclerosi concorrono alcuni fattori: la predisposizione famigliare, la tendenza alla pressione alta, glicemia e colesterolo sopra la norma, sovrappeso, inattività fisica, disturbi dell’umore come la depressione e disturbi del sonno. 

Come si può ridurre questa incidenza?
La prevenzione è il miglior alleato che abbiamo e può dare risultati eccellenti. Non è facile né semplice, occorre investire sul piano politico, amministrativo, informativo e sanitario, ma è l’arma più efficace.
La correzione dei fattori di rischio può sembrare semplice, ma non lo è, perché significa intervenire sui singoli individui, sul contesto sociale e ambientale. La cosa importante però è che questa correzione, quando è messa in atto, incide anche sulla comparsa della malattia. Nel senso che si può intervenire prima che la malattia grave si instauri e si trasformi in infarto, ictus, angina instabile o scompenso cardiaco. In questo caso si parla di prevenzione primaria, che è di fondamentale importanza nel prevenire l’evento cardiovascolare importante.

Prevenzione: quali sono le regole da seguire?
Correggere il proprio stile di vita. Purtroppo non esiste una ricetta per tutti, ogni individuo è il frutto del proprio stile di vita e ambiente sociale, ma ci sono alcune “linee guida” valide per ciascuno di noi.
La migliore prevenzione consiste in un corretto stile di vita che tenga sotto controllo i fattori di rischio come l’ipertensione arteriosa e l’aterosclerosi coronarica. Come? Svolgere attività fisica regolare, seguire un’alimentazione sana povera di grassi. Limitare il consumo di sale, perché esiste una chiara relazione tra assunzione di sale e sviluppo d’ipertensione. Non fumare. Uno stile di vita corretto contribuisce a tenere sotto controllo la pressione alta e l’attività fisica ha un ruolo fondamentale: sono sufficienti 30 minuti di attività fisica al giorno per almeno 4 volte a settimana per modificare il rischio di danno cardiovascolare.
Se si segue un corretto stile di vita si avrà un’autonomia fisica non soltanto da giovani, ma anche in età più avanzata.

Giovani e terza età: cosa cambia?
Ogni età necessita di un percorso di prevenzione e di conoscenza ad hoc. La nostra associazione da ormai 20 anni agisce sul territorio, partecipando agli eventi organizzati dalle circoscrizioni con un furgoncino attrezzato che offre test individuali che testano il proprio rischio individuale cardiovascolare. Il passo successivo è la consulenza del proprio medico di base per correggere i fattori di rischio emersi durante la consulenza.
Ovviamente questo tipo di approccio è del tutto differente rispetto a quello che si mette in atto nella fascia adolescenziale. In questo caso la nostra associazione si rivolge ai più giovani passando dall’istituto scolastico, per sensibilizzare anche i più giovani sui vantaggi di un corretto stile di vita e sui rischi dell’abuso di alcol e tabacco.

 

One Response

  1. Grazie prof marra ….averla tra le grandissime autorità scientifiche che promuovono i valori di just the woman i am che il cus torino organizza da 10 anni e un grande onore ….ci vediamo il 3/4/5 marzo 2025
    Da tutto il cus torino che ho l’onore di presiedere auguri per le prossime festività

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.