Pic by Michal Jarmoluk

Sostenere la Ricerca, un impegno comune, dal 2014. Con i fondi raccolti con JTWIA consentiamo ai ricercatori di continuare lo studio sul cancro anche attraverso l’erogazione di borse di ricerca annuali assegnate in base al merito.

Tra i progetti di ricerca, in questo articolo presentiamo il lavoro della Dott.ssa Margherita Pergolizzi del Dipartimento di Oncologia-Università degli Studi di Torino e del gruppo di lavoro guidato dalla Professoressa Elisa Ficarra del Politecnico di Torino dedicato alle ricerca su metodologie informatiche a supporto della ricerca sui tumori.

Il progetto di ricerca della Dott.ssa Margherita Pergolizzi  ha avuto come obiettivo l’analisi integrata di dati “omici” (trascrittoma, epigenoma, esoma) dei carcinomi polmonari a non piccole cellule di stadio I-IIIa. Nella prima parte del progetto è stato effettuata una valutazione dei dati bioinformatici disponibili sul sito “cBioportal for Cancer genomics” (https://www.cbioportal.org).

In particolare è stata analizzata la raccolta di dati relativi a 381 pazienti affetti da tumori NSCLC e i loro relativi campioni. Le analisi dei campioni ottenuti hanno permesso di confermare che le frequenze più alte di mutazioni sono a carico dei geni TP53, KRAS, EGFR e MET. In parallelo dai corrispondenti campioni vitali sono state allestite colture di organoidi al fine di testare la risposta a diversi farmaci confermando la sensibilità e la resistenza associate alle mutazioni più frequenti.

Il lavoro del gruppo di ricerca guidato dalla Professoressa Elisa Ficarra si è focalizzato sulle metodologie informatiche a supporto della ricerca sui tumori.

Oltre a produrre strumenti di analisi di dati di sequenziamento genomico, si è lavorato all’identificazione di aberrazioni genetiche aventi ruoli fondamentali nella genesi e nello sviluppo di alcune forme tumorali, quali la leucemia mieloide acuta e soprattutto il carcinoma ovarico sieroso di alto grado (HGSOvCa).

I risultati ottenuti e l’esperienza maturata nello sviluppo di metodologie per l’analisi di dati genomici e l’identificazione di mutazioni maligne è servita a rendere il gruppo di ricerca capace di costituire network di collaborazioni internazionali e di presentare alla Comunità Europea un ambizioso progetto di ricerca sul tumore ovaricoche è stato poi finanziato per 15 milioni di euro consentendo al gruppo di ricerca guidato dalla professoressa Ficarra di ottenere un finanziamento di un milione di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *